FESTA DEI MORTI
1-2 Novembre

concesso dal sito http://agoraciminna.blogspot.com/
articolo di Vito Lazzara

Diverse sono le tradizioni presenti nella nostra comunità per la Commemorazione dei defunti, descriverò quelle ancora in uso e in parte quelle ormai presenti solamente nella memoria degli anziani.

È tradizione che il giorno 2 novembre venga preparata la Cuccia, uguale a quella cucinata per Santa Lucia (frumento bollito condito con vari aromi). Questo piatto, però non viene esclusivamente consumato in famiglia, ma si rendono partecipi parenti, vicini ed amici. Gli abitanti motivano il loro gesto ritenendo che i vicini possano ricambiare il dono col ricordare i propri defunti nelle loro preghiere.
Sempre nel giorno dei morti, o meglio nella notte tra 1 e il 2 novembre è presente la credenza secondo cui le anime dei morti compiono una processione. Diverse sono state le notizie riferitemi di testimoni che hanno assistito, nei decenni passati, a tale rito: una donna chiede della madre ai partecipanti di detta processione i quali rispondono di trovarsi in coda; anime infastidite della presenza di umani, li minacciano di non percorrere certe strade in quella notte; una grande quantità di candele passare sopra Matritunnu, altura in prossimità del paese; oppure di un’anima triste venuta in sogno alla figlia per riferire che la camicia da notte, unico indumento indossato il giorno della morte, era tutto sporco a causa della processione.
Altra credenza per la festa dei morti, o meglio na simana rî morti, è quella per cui veni l’arrifriscu. Si crede che in quest’arco di tempo venga giù un po’ di pioggia anche nelle annate in cui si sono avute scarse precipitazioni. Le piogge del periodo vengono chiamate arrifriscu perché, secondo la credenza, l’acqua cade dal cielo per portare un po’ di refrigerio alle anime dalle fiamme del Purgatorio.
Altra tradizione ancora abbastanza viva è quella di compiere u viaggiu o i viaggi, una novena alle Anime Sante del Purgatorio per chiedere grazie o favori. Si ritiene, infatti, che l’ Armuzzi Santi su miraculusi (le Anime Sante sono miracolose). Tale pratica consiste nel compiere per nove giorni consecutivi e alla stessa ora un pellegrinaggio alla chiesa dei Cappuccini nella quale si conserva un quadro dell’Armi sacerdoti (raffigurante dei frati appartenente all’ordine Cappuccino).
Il tragitto prevede come punto di inizio una cappella chiamata del Saraminteddu posta alla fine del paese.
Diverse possono essere le grazie richieste alle Anime Sante. La risposta, il responso se la supplica è stata esaudita da parte della divinità viene percepita dal fedele da diversi segni esterni: abbaio di cane, canto di gallo oppure da avvertimenti sentiti durante il tragitto o provenienti dall’interno della chiesa. I miei informatori mi riferiscono che per captare questi segnali occorre essere concentrati esclusivamente nella preghiera. La voce spesso riferisce di sospendere la preghiera poiché la grazia è stata fatta oppure di interromperla perché è impossibile esaudirla. Singolare è la storia di due donne che durante l’ultimo conflitto, per avere notizie dei mariti in guerra, fecero u viaggiu; durante il tragitto le due donne sentirono, infatti, una voce che riferì loro: «Un priati cchù ca morti semu» (non pregate più che morti siamo). La celebrazione di questa pratica non ha delle date ben specifiche ma è recitata in base alle esigenze del fedele (per quanto riguarda le pratiche cleromantiche rimando agli studi di Giacobello G. 1999).
Un tempo le devozioni principali, riguardante le Anime dei Defunti, erano le processioni dell’1 e del 2 novembre e l’ottavario dal 2 al 9 novembre. Protagonisti della processione del giorno 1 erano i confrati del SS.Sacramento che partendo dalla chiesa Madre avevano come meta il camposanto. In questo luogo il sacerdote, nella zona antistante la cappella funeraria dell’omonima confraternita, faceva una piccola predica e impartiva la benedizione. Il giorno seguente, invece, la processione partiva dalla chiesa del Purgatorio e arrivava al camposanto dove il prete celebrava una messa.
L’ottavario, eseguito un tempo nella chiesa del Purgatorio (al suo interno si trovava un quadro raffigurante le Anime Sante), aveva la particolarità di essere celebrato la mattina prima di fare giorno. Oggi è rimasta la pratica dell’ottavario ma nel pomeriggio e non al mattino, mentre le due processioni sono cadute in disuso.

0 Responses to “Festa dei morti a Ciminna”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger cliccano Mi Piace per questo: